Lavoro

Come Cambiare la Situazione Professionale

Questa mattina in palestra mentre recuperavo da un esercizio, ascoltavo il discorso tra due ragazzi presenti nella sala. L’argomento era l’insoddisfazione nel lavoro che svolgeva uno dei due.

Uno diceva all’altro «Vorrei cambiare lavoro, ma temo che in questo periodo non troverò nulla di migliore. Tanto vale restare dove sono!». Subito dopo se ne va, salutando l’amico, in quanto aveva finito l’allenamento.

Quest’ultimo, che aveva notato la mia presenza nelle vicinanze, si avvicina e con un mezzo sorriso, misto a rassegnazione, mi dice «Sono quasi dieci anni che mi fa lo stesso discorso e non alza un solo dito per cambiare figura professionale».

Mentre tornavo a casa, pensavo alla discussione a cui avevo assistito, arrivando a una conclusione.

Non dovremo accontentarci della piccolezza. Diversamente, dobbiamo capire cosa sia perché non potremmo mai essere contenti di essa. La piccolezza è l’offerta che facciamo a noi stessi. L’offriamo al posto della grandezza accettandola come fosse l’unica opzione disponibile.

Ascoltiamo coloro che ci circondano e ci accorgiamo che tutto in questo mondo è piccolo, perché è un mondo fatto da cose piccole, che apparentemente crediamo appaganti.

Quando aneliamo a qualcosa di “questo mondo”, credendo ci porti la pace, ci rimpiccioliamo accecandoci alla gloria. Da qui il dualismo “piccolezza” e “gloria”. Sceglieremo sempre una a discapito dell’altra.

Tuttavia, ciò a cui non diamo importanza, è proprio la scelta che eseguiamo. Quando scegliamo, non facciamo altro che valutare noi stessi. Scegliendo la piccolezza non troveremo mai pace, perché giudicheremo noi stessi indegni di essa.

Qualunque cosa offriamo come sostituto, sarà un dono troppo misero perché possa soddisfarci. E’ essenziale convincerci che non c’è forma di piccolezza che ci possa mai appagare.

Durante la nostra quotidianità, possiamo provarne davvero tante, ma così facendo, tutto ciò che otterremo sarà soltanto ritardare il nostro ritorno a casa.

Soltanto nella grandezza saremo grandi, perché è li che ci sentiremo veramente a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *